AETNACON 2012
Terzo Festival Siciliano della Fantascienza e del Fantastico
Catania 14 e 15 DICEMBRE 2012



The End of the World? ...... postponed for the time being!

Nei giorni immediatamente precedenti l'ennesima fine del mondo annunciata, questa volta suggerita dallo scadere del calendario Maya, si è svolta la terza edizione della Aetnacon. (nella foto a sinistra apertura dei lavori da parte di Enrico Di Stefano, presidente dell'Associazione Culturale Fondazione Science Fiction, scrittore e fondatore assieme a Claudio Chillemi della fanzine Fondazione Sf Magazine).
La convention all'ombra del vulcano, si è tenuta presso l'auditorium della Città della Scienza di Catania. Questa magnifica location, oltre ad offrire una grande comodità agli intervenuti, ha reso disponibile un efficiente supporto tecnico ed informatico. Grazie ad esso è stato possibile l'intervento in videoconferenza di uno degli ospiti più prestigiosi, lo scrittore americano Paul Di Filippo, che si è prestato ad essere intervistato in diretta da Providence (U.S.A.).
Si è trattato di uno dei momenti più interessanti della manifestazione, reso possibile anche grazie all'interprete ufficiale Vincent Simonetti (in basso nella foto a destra assieme a Paul Di Filippo che appare sullo schermo).
Una delle firme più prestigiose della SF di casa nostra, Ugo Malaguti, è intervenuto da Bologna, invece, grazie ad un più tradizionale collegamento telefonico.

Di grande spessore i contributi dei numerosi relatori che hanno discusso sulle crisi degli ecosistemi, trattando questo tema così scottante sia dal punto di vista della ricerca che da quello della speculazione letteraria.
Per la componente scientifica sono intervenuti: il Dott. Fabio Viglianisi del Dipartimento Scienze Biologiche, Geologiche ed Ambientali dell'Università di Catania (foto in basso a sinistra) che ha parlato tra l'altro dei periodi in cui si stava per estinguere la vita sulla Terra e della mancanza di presupposti di tipo scientifico che indicano una prossima fine del mondo; il Dott. Giuseppe Cutispoto dell'Osservatorio Astrofisico di Catania (foto al centro) che ha mostrato le posizioni di comete ed asteroidi che potrebbero avvicinarsi troppo ed eventualmente cadere sul nostro pianeta, senza che ci sia un pericolo imminente, con la considerazione che, in caso di una situazione concreta, ci potrebbe essere un certo margine di tempo per poter tentare di trovare una soluzione; il Dott. Giovanni Tringali (foto a destra), Direttore dell'IRMA (Istituto di Ricerca Medica e Ambientale di Acireale) che ha esposto i pericoli nel campo ambientale derivati dall'utilizzo dell'ingegneria genetica da parte del genere umano verso tutto ciò che rappresenta la vita sulla Terra,compresi i suoi simili.
Il filo rosso che ha legato i loro interventi è stata l'analisi di tutti i meccanismi che possono mettere a rischio la sopravvivenza di una specie o, addirittura, innescare una estinzione di massa.
Per la componente fantascientifica, numerosi saggisti e autori: come detto in precedenza Paul Di Filippo, il quale ha fatto presente che la letteratura di fantascienza ha anticipato i tempi con racconti riguardanti le problematiche in campo biologico assieme agli effetti ed ai rischi per la razza umana derivati dalla manipolazione genetica; Ugo Malaguti in collegamento telefonico e Gianni Montanari (nella foto a sinistra), presenza importante ed autorevole del panorama fantascientifico di casa nostra, che hanno evidenziato come la Fantascienza dei nostri giorni ha assunto per la società la funzione di preavviso e di sensibilizzazione al rischio che si corre nell’uso improprio delle nuove tecnologie e di quelle future; il Dott. Bruno Caporlingua, apprezzato saggista (prima delle foto accanto a destra) nel campo del fumetto fantascientifico e d'anticipazione con la sua relazione riguardante i fumetti legati al tema della convention; la Dott.ssa Adriana Bonforte, francesista (seconda delle foto accanto a destra) con la sua relazione su un lavoro di René Barjavel; il Dott. Francesco Spadaro, uno dei massimi esperti italiani dell'universo di Star Trek (nella foto in basso a sinistra) assieme a Claudio Chillemi (nella foto in basso a destra) scrittore, con la discussione relativa al messaggio contenuto nel catastrofismo planetario di Star Trek.
Una nota a parte è riservata ad Armando Corridore, musicista di formazione (prima delle foto a destra), editore ed anima di una delle case editrici più attive nel campo della letteratura fantastica: la ELARA con la sua interessante relazione sull'arrivo del Giorno dell’Ira (la fine del mondo) riguardante la musica per la fine dell’Uomo dal medioevo all’età moderna, accompagnata a brani musicali.

A chiudere in bellezza la manifestazione ha contribuito Anna Maria Morini, flautista di fama internazionale (seconda delle foto in alto a destra), che ha magistralmente eseguito un concerto con musiche di Bartolozzi, Coral, Corridore, Gardella, Guarnieri e Sciarrino.
L'evento è stato organizzato grazie alla partnership tra ELARA e l'Associazione Culturale Fondazione Science Fiction i cui rappresentanti: Armando Corridore per la prima e Claudio Chillemi ed Enrico Di Stefano per la seconda, appaiono nella foto.
Ringraziamo tutti gli intervenuti, dai relatori ai semplici spettatori, e li salutiamo con un arrivederci alla quarta edizione, sempre se i venti siderali ci saranno ancora favorevoli.
A cura di   Enrico Di Stefano     
e  

Clicca qui per tornare nella home  Clicca qui per tornare nella pagina precedente  Clicca qui per un breve resoconto delle preced. edizioni